Traduttore

Partita iva traduttore

Una delle attività che più facilmente si prestano ad essere svolte come freelance è quella del traduttore.

the-bible-958716_960_720

REQUISITI: La legge non prevede particolari requisiti obbligatori per esercitare la professione di traduttore. Ovviamente la conoscenza della lingua in cui si traduce è fondamentale, una conoscenza che deve essere di livello madrelingua o quasi. Ma la conoscenza della lingua non è sufficiente: occorre anche avere ottime capacità di scrittura e saper usare strumenti come CAT tools. Per maggiori informazioni puoi visitare questo blog.

COSTI INIZIALI E ADEMPIMENTI BUROCRATICI E FISCALI: Tipicamente il traduttore è un libero professionista. Spesso lavora da casa e i suoi strumenti principali sono un pc, qualche software di traduzione assistita. Il grosso dell’investimento sta nell’acquisire le capacità necessarie ad esercitare la professione.

Per lavorare come traduttore, quindi, è sufficiente richiedere la partita IVA all’Agenzia delle Entrate e iscriversi alla Gestione Separata INPS.

Nei primi anni di attività può essere conveniente aderire ad uno dei regimi agevolati dedicati alle nuove iniziative imprenditoriali e professionali, come il regime dei minimi (abrogato dal 1 gennaio 2016) o come il nuovo regime forfettario. Per maggiori informazioni clicca qui.

Se vuoi aprire la partita iva traduttore, richiedi un preventivo gratuito compilando il form sottostante: