Come

Come mettersi in proprio

Mettersi in proprio richiede diversi adempimenti burocratici e fiscali, che differiscono a seconda dell’attività che si intende svolgere.

Molte attività possono essere svolte sia sotto forma di impresa sia sotto forma di lavoro autonomo.

In breve, se svolgo l’attività sotto forma di impresa:

  • esercito l’attività in maniera organizzata con l’impiego di mezzi e capitali
  • mi iscrivo in Camera di Commercio
  • mi iscrivo all’INPS Gestione Artigiani e Commercianti
  • posso essere inquadrato come artigiano se ricorrono i requisiti previsti dalla Legge 443/1985 e in tal caso mi iscrivo all’INAIL contestualmente all’inizio attività
  • se apro un punto vendita, presento la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) presso il Comune dove ha sede l’attività. Per alcune tipologie di attività presento anche la SCIA Sanitaria presso l’ASL competente. Per particolari attività avrò bisogno di specifiche autorizzazioni e licenze.

Se invece svolgo l’attività sotto forma di libero professionista:

  • esercito l’attività con la prevalenza del lavoro personale rispetto a capitale investito e lavoro altrui
  • non mi iscrivo in Camera di Commercio
  • richiedo l’attribuzione della partita IVA all’Agenzia delle Entrate
  • mi iscrivo all’INPS Gestione Separata

Ti potrebbe interessare anche:

Regime forfettario 2016

 

 

Annunci